Isaac Cordal a Salerno

Isaac Cordal a Salerno, dal 25 giugno al 1 luglio.

L’artista spagnolo porterà nella nostra città il suo “Cement ecplises“, progetto di arte urbana già realizzato in tante città, da Bruxelles a Parigi, da Londra a Berlino passando per Barcellona, Bogotà, fino al Chiapas.

Dalla politica all’economia, dal cambiamento climatico alle nuove solitudini, Cordal indaga i mali della società moderna, non senza una buona dose di ironia. Il suo lavoro trova compimento nella realizzazione di piccole statuette di 20-25 cm, che vengono incastonate nel paesaggio urbano, quasi a volte nascoste, con il fine di meravigliare il passante, ma anche di indurlo a pensare. Un progetto in cui scultura e fotografia si fondono, l’una punto di partenza, l’altra testimonianza dell’esecuzione artistica.

L’artista sarà ospite nell’ambito del nostro progetto “Residenze d’artista“, in collaborazione con la Fondazione Alfonso Gatto. L’alloggio, nel cuore del centro storico, è offerto dalla “Salerno Apartments”. Nel corso del suo soggiorno, l’artista realizzerà circa 15 piccole opere in diversi angoli del nostro centro storico, opere che verranno donate alla città. Sono previsti anche due progetti, uno in collaborazione con  il Liceo Artistico Sabatini Menna, l’altro dedicato al Giardino della Minerva.

La conferenza stampa di presentazione dell’evento si terrà giovedì 21 giugno alle ore 11.00 presso la Sala Giunta del Palazzo di Città. Parteciperanno all’incontro il Sindaco di Salerno Enzo Napoli, il Presidente della IX Commissione Consiliare Permanente “Ambiente e Cultura” Ermanno Guerra, il Presidente della Fondazione Menna Claudio Tingali, il Presidente della Fondazione Gatto Filippo Trotta, e Rosanna Belladonna, rappresentante della “Salerno Apartments”. Modera la giornalista Carola Barbato.

L’incontro finale con l’artista si terrà sabato 30 giugno alle ore 19.30 nel salone della Fondazione Filiberto e Bianca Menna.

 

Riccardo Notari

 

Qui di seguito alcuni lavori di Isaac Cordal

 

 

 

Isaac Cordal a Salerno
Tagged on: